Nuova proposta di legge 3951 in via di approvazione !!!!! :: E-nail Forum - Ricostruzione unghie ::
Indice del forum E-nail Forum
Nail-art e ricostruzione unghie

E-nail è anche:

FAQFAQ CercaCerca Lista utentiLista utenti GruppiGruppi medals.php?sid=53586d833001cb520e4d0c2c07941b9dMedaglie  RegistratiRegistrati ProfiloProfilo Messaggi privatiMessaggi privati Log inLog in
Nuova proposta di legge 3951 in via di approvazione !!!!!

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Legalizziamola!!
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
UnghieDiViiNe
Vicina di casa



Registrato: 31/01/11 00:26
Messaggi: 37
Residenza: RIMINI
Medaglie: Nessuno

MessaggioInviato: Ven Feb 11, 2011 08:49 am    Oggetto: Nuova proposta di legge 3951 in via di approvazione !!!!! Rispondi citando

Finalmente !!! Proposta di legge per noi alla camera

Guardate cosa ho trovato!

http://parlamento.openpolis.it/singolo_atto/62818

Potete votare e monitorare (ricevere gli sviluppi via e-mail )

Cool Cool Cool


L'ultima modifica di UnghieDiViiNe il Dom Feb 13, 2011 17:04 pm, modificato 1 volta
Top
UnghieDiViiNe è attualmente disconnesso  Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
UnghieDiViiNe
Vicina di casa



Registrato: 31/01/11 00:26
Messaggi: 37
Residenza: RIMINI
Medaglie: Nessuno

MessaggioInviato: Ven Feb 11, 2011 08:51 am    Oggetto: Per portare avanti la causa.... Rispondi citando

Per aiutare la proposta di legge mi sono inscritta (gratuitamente) all' APNO (vedi sito) e mi hanno inviato la tessera a casa

Fatelo anche voi !!! Laughing
Top
UnghieDiViiNe è attualmente disconnesso  Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
UnghieDiViiNe
Vicina di casa



Registrato: 31/01/11 00:26
Messaggi: 37
Residenza: RIMINI
Medaglie: Nessuno

MessaggioInviato: Ven Feb 11, 2011 08:54 am    Oggetto: ....parte della proposta Rispondi citando

Il Capo II (artt. 11-13) disciplina ex novo l'attività di onicotecnico, che consiste nella costruzione, ricostruzione, applicazione e decorazione su unghie naturali, nell'applicazione di unghie artificiali, e comunque in tutto ciò che riguarda il trattamento di bellezza delle mani e dei piedi. Per tale nuova figura professionale si istituisce il rispettivo elenco regionale, presso le ASL (mentre la proposta C. 3116 istituisce un Elenco nazionale presso il Collegio nazionale degli estetisti professionali). L'iscrizione nell'elenco è condizione necessaria per l'esercizio delle attività di onicotecnico. A differenza della proposta C. 3116, che disciplina dettagliatamente le modalità e le forme di svolgimento dell'attività nonché i requisiti (anche formativi) per l'esercizio dell'attività, per la regolamentazione di tali aspetti la proposta C. 3951 rinvia alla normativa regionale. In particolare, spetta alle regioni stabilire i criteri e modalità per acquisire l'abilitazione di onicotecnico, e il titolo di abilitazione rilasciato dalla regione ha valore solamente nell'ambito del territorio della medesima regione; si prevede, tuttavia, la possibilità di riconoscimento reciproco dei titoli di abilitazione tra le diverse regioni previa definizione delle relative modalità in sede di Conferenza Stato-regioni.
A differenza della proposta C. 3116, la proposta C. 3951 non reca la disciplina transitoria per i soggetti che già svolgono l'attività di onicotecnico alla data di entrata in vigore del provvedimento.
Il Capo III (artt. 14-16), che reca le disposizioni finali, prevede che le attività disciplinate dal provvedimento (estetista professionale e onicotecnico) possono essere svolte insieme all'attività di acconciatore, anche nella medesima sede, purché in locali separati. L'esercizio delle attività di cui al provvedimento in esame e quella di acconciatore restano comunque subordinate al possesso dei rispettivi requisiti. Il controllo sull'osservanza delle norme del provvedimento è esercitato dalle ASL. Per quanto riguarda il sistema sanzionatorio, a chiunque esercita l'attività di estetista professionale senza la necessaria iscrizione all'Elenco nazionale, si applicano le pene di cui all'articolo 348 c.p. (in materia di abusivo esercizio di una professione) nonché la sanzione amministrativa da 7 mila a 20 mila euro. La stessa sanzione amministrativa è prevista per l'esercizio dell'attività di onicotecnico senza essere iscritto nell'elenco regionale degli onicotecnici. Per l'esercizio delle attività di estetista professionale e di onicotecnico in forma ambulante o di posteggio è prevista la sanzione amministrativa da 10 mila a 25 mila euro. Inoltre, chiunque richiede prestazioni riservate alla professione di estetista professionale, ovvero prestazioni di onicotecnico a soggetti che non hanno titolo per esercitarle, è passibile della sanzione amministrativa da 500 a 4.000 euro.
Si dispone, infine, l'abrogazione della legge n. 1 del 1990.

Pag. 131


Passa, quindi, ad illustrare la proposta C. 3953 (Disciplina del contratto di lavoro autonomo per l'esercizio delle attività di acconciatore e di estetista presso le imprese del medesimo settore). La proposta di legge C. 3953 (Calearo Ciman e altri), a differenza delle altre proposte abbinate, riguarda non solo l'attività di estetista, ma anche quella di acconciatore. Tuttavia, interviene solamente su un aspetto molto specifico, volto a consentire lo svolgimento delle menzionate attività come lavoratore autonomo presso altre imprese (e strutture) del medesimo settore. La normativa vigente, infatti, non prevede che un salone di acconciatore o un istituto di estetica possano affittare parte della propria struttura di lavoro a un professionista esterno (cosa che avviene invece da anni in altri Paesi UE). Per colmare tale lacuna, la proposta di legge, con due norme di analogo tenore per le attività di acconciatore e di estetista, prevede che le imprese esercenti queste attività possono stipulare con altri soggetti in possesso dei prescritti requisiti di qualificazione professionale un contratto mediante il quale vengono messi a disposizione di tali soggetti (affittuari), che agiscono come lavoratori autonomi in possesso della partita IVA, degli spazi - nell'ambito della sede dell'impresa affittante - che rispettano i requisiti sia urbanistici sia igienico-sanitari previsti dalla normativa statale e dai regolamenti comunali di disciplina del settore. In tal modo, si potrebbe favorire il miglioramento della qualità delle prestazioni fornite dalle imprese dei settori in questione che, ottimizzando i costi fissi relative alle immobilizzazioni, potrebbero proporsi alla clientela con una gamma di servizi specialistici (anche relativamente all'orario di lavoro) non sostenibili dalle singole imprese.
In riferimento a questa ultima proposta, riterrebbe opportuno consentirne l'abbinamento poiché - seppure di contenuto molto specifico e non omogeneo rispetto alle altre proposte di legge - permetterebbe comunque di intervenire su un aspetto della normativa che sembra meritevole di una definizione più aperta e omogenea alla realtà di altri Paesi dell'Unione europea.
Riterrebbe, infine, opportuno procedere ad un breve ciclo di audizioni delle organizzazioni più rappresentative operanti nell'ambito delle professioni estetiche e all'esame delle proposte in titolo in sede di Comitato ristretto al fine di predisporre un testo unificato.
Manuela DAL LAGO, presidente, non essendovi obiezioni, dispone l'abbinamento delle proposta di legge C. 3953, d'iniziativa del deputato Calearo Ciman e altri.
Concorda sulla proposta del relatore di procedere ad un ciclo di audizioni, ma ritiene opportuno svolgere una discussione preliminare in Commissione delle proposte in esame prima di nominare un Comitato ristretto.
Elisa MARCHIONI (PD) ritiene fondamentale tracciare preliminarmente con chiarezza una netta linea di confine tra professioni estetiche e attività professionali che riguardano profili medico-sanitari.
Laura FRONER (PD) propone di chiamare in audizione anche soggetti operanti nell'ambito delle scienze bionaturali al fine di approfondire adeguatamente gli aspetti evidenziati nella lettera inviata dal presidente della 12a Commissione del Senato, tenendo conto della loro indicazioni.
Fabio GAVA (PdL), relatore, assicura che assumerà le opportune intese con il relatore Bosone al fine di evitare sovrapposizioni con il contenuto delle proposte di legge in materia di medicine non convenzionali in corso di esame presso il Senato.
Manuela DAL LAGO, presidente, nessun altro chiedendo di intervenire, rinvia il seguito del dibattito ad altra seduta.




Capo II
ONICOTECNICO
Art. 11.
(Onicotecnico).

1. L'attività di onicotecnico consiste nella costruzione, ricostruzione, applicazione e decorazione su unghie naturali con prodotti specifici a seconda della tecnica utilizzata, con periodici interventi correttivi per formare unghie artificiali; è inoltre consentita l'applicazione di unghie artificiali preformate, di decorazioni e di tutto ciò che riguarda il trattamento di bellezza delle mani e dei piedi. L'attività di onicotecnico comprende ogni prestazione artistica eseguita, a esclusivo scopo decorativo, sulla superficie di unghie artificiali delle mani e dei piedi e le successive lavorazione e colorazione delle stesse. L'attività di onicotecnico è eseguita con interventi manuali e meccanici e mediante l'uso di prodotti con asciugatura ad aria o fotoindurenti.
Art. 12.
(Istituzione dell'elenco regionale degli onicotecnici).

1. È istituito l'elenco regionale degli onicotecnici, presso le aziende sanitarie locali, le quali fissano il contributo obbligatorio che gli iscritti sono tenuti a versare annualmente, in modo da assicurare la copertura dei costi relativi alle funzioni di tenuta dell'elenco regionale.
2. L'iscrizione all'elenco regionale degli onicotecnici è condizione necessaria per l'esercizio dell'attività di onicotecnico.
Art. 13.
(Competenze delle regioni).

1. In ottemperanza all'articolo 117 della Costituzione, le regioni procedono,

Pag. 12

attraverso propri atti e nel rispetto delle disposizioni della presente legge, ad emanare apposite norme che disciplinano l'esercizio delle attività di onicotecnico.
2. In particolare spetta alle regioni stabilire criteri e modalità per l'acquisizione dell'abilitazione professionale degli onicotecnici, nonché regolamentare e organizzare le attività di formazione professionale.
3. Il titolo di abilitazione professionale per l'esercizio dell'attività di onicotecnico rilasciato dalla regione ha valore nell'ambito del territorio di competenza della medesima regione.
4. La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano disciplina le modalità di riconoscimento reciproco dei titoli di abilitazione professionale all'esercizio dell'attività di onicotecnico tra le diverse regioni.
Capo III
DISPOSIZIONI FINALI
Art. 14.
(Esercizio delle attività di estetista professionale e di onicotecnico unitamente ad altre attività commerciali legate all'estetica).

1. Le attività disciplinate dalla presente legge possono essere svolte unitamente all'attività di barbiere, di parrucchiere o di acconciatore, anche in forma associata secondo le disposizioni previste dalla normativa statale e regionale vigente in materia.
2. Le attività disciplinate dalla presente legge possono essere svolte unitamente all'attività di barbiere, di parrucchiere o di acconciatore nella medesima sede. In tale caso esse devono essere esercitate in locali separati, destinati esclusivamente all'una o all'altra categoria di attività.
3. L'esercizio delle attività disciplinate dalla presente legge e di quelle disciplinate dalle norme relative ai barbieri, ai parrucchieri

Pag. 13

o agli acconciatori resta comunque subordinato al possesso dei relativi requisiti.
Art. 15.
(Sanzioni).

1. Il controllo sull'osservanza delle disposizioni della presente legge è esercitato dall'azienda sanitaria locale territorialmente competente e dai soggetti a cui sono attribuiti per legge i poteri di accertamento.
2. Chiunque esercita le attività riservate alla professione di estetista professionale di cui al capo I senza essere iscritto all'Elenco è soggetto alle pene previste dall'articolo 348 del codice penale nonché alla sanzione amministrativa pecuniaria da 7.000 euro a 20.000 euro.
3. Chiunque esercita le attività di onicotecnico di cui al capo II senza essere iscritto all'elenco regionale degli onicotecnici di cui all'articolo 12 è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da 7.000 euro a 20.000 euro, il cui importo è destinato alla regione in cui è avvenuta la violazione.
4. Chiunque esercita le attività professionali di cui ai capi I e II in forma ambulante o di posteggio, in violazione degli articoli 2 e 12, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 10.000 euro a 25.000 euro, il cui importo è destinato al comune in cui è avvenuta la violazione.
5. Chiunque richiede prestazioni riservate alle professioni di cui ai capi I e II a soggetti che non hanno titolo a svolgerle ai sensi della presente legge è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da 500 euro a 4.000 euro.
Art. 16.
(Abrogazione).

1. La legge 4 gennaio 1990, n. 1, è abrogata.
Top
UnghieDiViiNe è attualmente disconnesso  Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
UnghieDiViiNe
Vicina di casa



Registrato: 31/01/11 00:26
Messaggi: 37
Residenza: RIMINI
Medaglie: Nessuno

MessaggioInviato: Sab Feb 12, 2011 19:34 pm    Oggetto: Nuova proposta di legge in via di approvazione !!!!! Rispondi citando

Guardate cosa ho trovato:
Cool
Legge C.3951 che Disciplina e distingue la professione di estetista professionale dall'attività di onicotecnico al parlamento per approvazione
Leggi anche tu, vota e monitora : http://parlamento.openpolis.it/singolo_atto/

SPERIAMO BENE !

ironica Combatti anche tu e inscriviti all' APNO (gratuitamente )
vedi www.apno.it
_________________
Guardate cosa ho trovato:

Legge C.3951 che Disciplina e distingue la professione di estetista professionale dall'attività di onicotecnico al parlamento per approvazione
Leggi anche tu, vota e monitora : http://parlamento.openpolis.it/singolo_atto/62818

SPERIAMO BENE !

Combatti anche tu e inscriviti all' APNO (gratuitamente )
vedi www.apno.it
Top
UnghieDiViiNe è attualmente disconnesso  Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
SHILA
Moderatore


Età: 41
Registrato: 10/02/08 20:04
Messaggi: 3400
Residenza: Provincia di Varese
Medaglie: 3 (View more...)

3° Classificata Mille Luci di Natale (Totale: 1) Medagli di Utente Premier (Totale: 1) Nastro delle moderatrici (Totale: 1)
MessaggioInviato: Dom Feb 13, 2011 09:31 am    Oggetto: Rispondi citando

mmmm....la cosa si fa interessante finalmente!
_________________
Il mondo è come un libro. Chi non viaggia ne legge solo una pagina.
Top
SHILA è attualmente disconnesso  Profilo Invia messaggio privato
UnghieDiViiNe
Vicina di casa



Registrato: 31/01/11 00:26
Messaggi: 37
Residenza: RIMINI
Medaglie: Nessuno

MessaggioInviato: Dom Feb 13, 2011 17:03 pm    Oggetto: Re: Finalmente !!! Proposta di legge 395 per noi alla camera Rispondi citando

Cool Mi raccomando :

registratevi,votate e monitorate per tenervi informate!
Poi chiedete la tessera gratuita dell' APNO
_________________
Guardate cosa ho trovato:

Legge C.3951 che Disciplina e distingue la professione di estetista professionale dall'attività di onicotecnico al parlamento per approvazione
Leggi anche tu, vota e monitora : http://parlamento.openpolis.it/singolo_atto/62818

SPERIAMO BENE !

Combatti anche tu e inscriviti all' APNO (gratuitamente )
vedi www.apno.it
Top
UnghieDiViiNe è attualmente disconnesso  Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Fortuna
Suocera


Età: 34
Registrato: 23/03/10 11:21
Messaggi: 315
Residenza: Grosseto
Medaglie: Nessuno

MessaggioInviato: Mar Mar 08, 2011 09:58 am    Oggetto: Rispondi citando

si ma la domanda resta sempre la stessa: quando sarà diventata legge chi ha già frequentato un corso potrà esercitare??oppure faranno una sorta di aggiornamento che poi costerà anche tanto??io credo addirittra che dopo ci saranno anche più controlli... e per chi "lavora in casa" saranno cavoli...non so fino a che punto conviene (soprattutto per chi lo fa in casa)...
_________________
Top
Fortuna è attualmente disconnesso  Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
ferdy
Moderatore



Registrato: 06/11/08 10:52
Messaggi: 2643
Residenza: liguria
Medaglie: 1 (View more...)

Nastro delle moderatrici (Totale: 1)
MessaggioInviato: Mar Mar 08, 2011 11:31 am    Oggetto: Rispondi citando

Fortuna ha scritto:
si ma la domanda resta sempre la stessa: quando sarà diventata legge chi ha già frequentato un corso potrà esercitare??oppure faranno una sorta di aggiornamento che poi costerà anche tanto??io credo addirittra che dopo ci saranno anche più controlli... e per chi "lavora in casa" saranno cavoli...non so fino a che punto conviene (soprattutto per chi lo fa in casa)...

mi sembra giusto che chi lavora a casa lavorerà in nero a meno che non voglia pagare le tasse, ed è giusto che ci sisno più controlli, il problema e che se le regioni si organizzavano da subito come è successo nel lazio con una scuola riconosciuta, ci sarebbero state molte meno onicotecniche improvvisate, e non spenderemmo soldi per corsi che all'approvazione della legge non varranno nulla Crying or Very sad
_________________

USA LA FUNZIONE CERCA, PRIMA DI APRIRE NUOVI POST, COSì EVITIAMO DI CREARE CAOS NEL FORUM E SE NON LO HAI FATTO
PRESENTATI NELLA SEZIONE "BENVENUTO" PRIMA DI POSTARE! GRAZIE ^_^

Top
ferdy è attualmente disconnesso  Profilo Invia messaggio privato MSN
Fortuna
Suocera


Età: 34
Registrato: 23/03/10 11:21
Messaggi: 315
Residenza: Grosseto
Medaglie: Nessuno

MessaggioInviato: Mar Mar 08, 2011 13:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

triste triste triste triste arrabbiato
_________________
Top
Fortuna è attualmente disconnesso  Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Fortuna
Suocera


Età: 34
Registrato: 23/03/10 11:21
Messaggi: 315
Residenza: Grosseto
Medaglie: Nessuno

MessaggioInviato: Mar Mar 08, 2011 14:25 pm    Oggetto: Rispondi citando

allora ho appena parlato con una ragazza che lavora in un centro (molto famoso nella mia città) in cui si fanno i corsi di ricostruzione unghie (lei insegna)mi ha detto che ATTUALMENTE per ricostruire unghie i modi sono 2 : 1)diploma di estetista + corso di pochi giorni
2)senza diploma di estetista ma solo con il corso per unghie si può lavorare SOLO appoggiandosi a qualche estetista (come sua dipendente, non in prorpio)

e fin qui ci siamo.

Poi le ho detto della proposta di legge e lai mi ha detto che se dovesse passare si farà come per le esetiste:
un corso di circa più o meno 300 ore (in cui verranno spiegate materie simili a quelle per estetiste) e anche i costi ovviamente verrebbero cambiati...circa 2000 euro... Shocked Shocked ovviamente niente di certo...per il momento sono solo voci che girano nelle scuole di ricostruzione...e per chi ha già fatto un corso non vale a nulla perchè non ha studiato le materie che poi metteranno nel piano di studi...praticamente che ha già fatto un corso ha solo buttato via i soldi... arrabbiato questo è quello che mi hanno detto...magari se qualcuna di voi può chiedere in qualche centro dove ha seguito il corso possiamo confrontarci...
_________________
Top
Fortuna è attualmente disconnesso  Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Legalizziamola!! Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


E-nail di Francesca Aguzzi
Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it